top of page

Fotografare i gattini - 10 Consigli

Se vuoi fotografare degli animali di piccola età la prima cosa che dovresti chiederti è:

"posso usare il flash"? Prima di scattare le foto a questi tre piccoli gattini mi sono documentato scoprendo che l'utilizzo del flash (strobo / mono-torcia ecc) come immaginavo non è consigliato, piuttosto è preferibile scegliere una fonte di luce costante, meglio se naturale. Dunque se le foto che ho realizzato ti piacciono, ti dedico 10 consigli con l'intento di aiutarti e guidarti alla realizzazione di un set fotografico con dei cuccioli di gatto in casa!



Come molti appassionati di fotografia e professionisti, anche io preferisco il flash alla luce continua, ma ne vale la pena di rischiare la salute di un cucciolo solo per ottenere la luce che vogliamo noi?

Certo che no!

La soluzione consiste nell'armarci di pazienza e di illuminare il soggetto con il sole o con i led da studio facendo ugualmente attenzione alla curiosità dei cuccioli che ogni tanto li porta a fissare la fonte di luce.




Consiglio N.1: Evita l'uso del flash, anche se usi dei led a luce continua presta attenzione costante poiché i nostri amici a 4 zampe potrebbero avere problemi di vista durante lo sviluppo se osservano a lungo fonti di luce particolarmente intense o ravvicinate.

Se non hai una luce continua prova questo kit

led da studio per fotografia.



Consiglio N.2: Allestite con calma il set in un ambiente tranquillo e familiare considerando anche di poterlo lasciare allestito per diverse ore. Usate tappeti, rialzi e oggetti che il gattino usa quotidianamente come ciotole e coperte.


Consiglio N.3: Dai tempo al cucciolo di ambientarsi nel set, usa anche dei giochi che eventualmente possiede già. Se hai un assistente chiedigli di attirare l'attenzione del gattino nella direzione della fotocamera, magari sfruttando un gioco o emettendo dei suoni o rumori.

Per facilitarti il compito porta con te dei giochi per gatti.



Consiglio N.4: Non tutti i cuccioli se ne stanno calmi in posa, fotografali sia mentre giocano che dopo la pappa, fase che generalmente precede il riposino.

Non pretendere troppo e non stressarli!

Esistono anche prodotti naturali da spruzzare sul set in grado di facilitare il rilassamento, clicca qui per vedere un esempio.



Consiglio N.5: Pazienta e aspetta, scatta e poi aspetta di nuovo, scatta e aspetta ancora! Salvo rari casi, la pet photography richiede parecchio tempo, spesso è necessario attendere delle ore se si vogliono ottenere risultati specifici.



Consiglio N.6: Crea le situazioni, sfrutta a tuo favore il carattere dei gatti sfruttando doti come l'istinto di caccia, l'irrefrenabile voglia di arrampicarsi e la loro spiccata vivacità e curiosità.

Tieni però le giuste distanze e lascia che sia il soggetto a muovere la scena.



Consiglio N.7: Inserisci sul set degli oggetti nei quali i cuccioli possono infilarsi come ad esempio vasi con piante finte, cestini e scatole. Il loro istinto li porterà a nascondersi dandoti opportunità di fotografarli in posizioni caratteristiche e buffe, ricorda solo di porre questi oggetti sul set a favore di luce.


Consiglio N.8: Morbidezza= emozioni.

Usa dei diffusori per evitare luci con ombre troppo dure e marcate, generalmente è consigliabile affidarsi ad una fonte di luce corredata di una secondaria di riempimento che aiuterà ad alleggerire le ombre.


Consiglio N.9: Se le foto che hai realizzato sono soddisfacenti vuol dire che hai fatto un ottimo lavoro, valuta anche la possibilità di potenziarle ulteriormente con un programma per il fotoritocco come Photoshop, se non sai come si usa trovi qui il mio corso dedicato.

Per te un codice sconto del 25%: PSapp25


Consiglio N.10: Va bene riprendere l'intera scena, ricorda però l'importanza dei dettagli che in molti casi fanno davvero la differenza rendendo i ricordi ancora più ricchi di informazioni!




Se questo post ti è piaciuto lascia un cuore ed un commento utilizzando gli apposti pulsanti in basso.

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page