top of page

Come trovare il tuo range vocale!

Aggiornamento: 29 gen 2021



Il Range è meglio conosciuto come classificazione, gamma o estensione vocale. Rappresenta dalla nota più alta a quella più bassa che riusciamo a raggiungere.



Sei un basso, baritono, tenore, contralto, mezzosoprano, soprano o voce bianca? Se non sai il significato di questi termini, continua a leggere per imparare le classificazioni della voce maschile e della voce femminile nonché individuare il tuo range.


In molti pensano di appartenere ad una classificazione vocale piuttosto che un'altra solo perché non hanno ancora la voce educata e la tecnica per sostenere certe note... in questi casi l'estensione può aumentare nel tempo, di pari passo all'esperienza, fino a coprire tutte le note della propria gamma (a anche un po' oltre).

Conoscere e comprendere il prorpio range è una parte importante per sapere come muoverti bene all'interno di un brano musicale e non stressare le corde vocali.


Nell’ambito di un coro infatti, le classificazioni delle voci sono necessarie per creare ordine, identificare chiaramente le parti ed ottenere il meglio da ogni sezione.




 

Molti cantanti che mi scrivono sono curiosi di sapere se sono contralti o soprani, baritoni o tenori, e vogliono sapere cosa dovrebbero aspettarsi dalle loro voci dopo averne raccolto maggiori informazioni. Questo articolo presenta una guida di base alla (auto) classificazione vocale. ‼️ATTENZIONE‼️ non è mai saggio fare una rapida classificazione.

A volte i cantanti hanno fretta di etichettare le voci perché vogliono capire meglio come identificarsi oppure perché sono ansiosi di iniziare a cantare un repertorio adatto.

Lo sviluppo di buone abitudini vocali è essenziale per "correggere" leventuali auto-classificazioni. I cantanti dovrebbero prendersi il tempo necessario per acquisire solide capacità tecniche entro una gamma limitata e confortevole di toni, prima di tentare di spingere la voce ai suoi estremi (alti o bassi). Una volta stabilite le basi di una buona tecnica in questa comoda area, emergerà la vera qualità della voce e sarà quindi possibile esplorare in sicurezza i limiti superiore e inferiore della gamma.

È piuttosto semplice scoprire in maniera indipendente o con l'aiuto di un Maestro, i tuoi “margini di range”. Solo ed esclusivamente un FONIATRA - Otorinolaringoiatra, è in grado di stabilire in modo scientifico (in base all’anatomia delle tue corde vocali e alla frequenza fondamentale) a quale CLASSIFICAZIONE/TIPO di voce appartieni. Prima di intraprendere un qualunque percorso vocale il mio consiglio è di consultare in primis un medico del settore ed effettuare almeno una visita all'anno per prenderti cura della tua voce.


Ti racconto un aneddoto:

“I primi Maestri di canto che ho avuto, molto legati a metodi didattici un po' arcaici, mi hanno fatto cantare per anni fuori dal mio registro, convinti che fossi un contralto. Sia nel coro sia come solista sentivo di fare una gran fatica ad utilizzare la voce. Poi ho avuto la fortuna di incontrare Maestri di vedute più ampie e in costante aggiornamento che mi hanno seguita in maniera certosina e consigliato una visita foniatrica. Con grande sorpresa, proprio dal Foniatra, scoprii di essere un Soprano. Soprano drammatico per la precisione, con un'estensione atipica che mi fa toccare alcune note della gamma del Contralto. Ci rimasi un po’ male a pensare che per tanto tempo non ho potuto utilizzare a pieno la mia vocalità. Così con una nuova consapevolezza ho scoperto che cantare bene, senza sforzi e senza danneggiare le corde vocali: è possibile!

- JMii (cioè io, è il mio nome d'Arte) -


 

TIPO/CLASSIFICAZIONE DI VOCE

Il tipo di voce è in gran parte determinato dalle dimensioni delle corde vocali e dalla struttura anatomica della laringe e del resto del tratto vocale. Come regola generale, quei cantanti con dimensioni del tratto vocale più grandi hanno aree di passo di passaggio più basse e gamme e tessiture inferiori, mentre quelli con dimensioni del tratto vocale più piccole hanno aree, gamme e tessiture di passo di passaggio più alte. La dimensione fisica (ad es. Corporatura o altezza) dell'individuo non sempre fornisce una chiara indicazione del fatto che quella persona abbia o meno uno strumento più alto o più basso, né più leggero o più pesante. È quello che c'è dentro che conta.


CLASSIFICAZIONE PER GENERE E FREQUENZA

VOCI FEMMINILI (dalla più grave alla più acuta):

  • Contralto

  • Mezzo soprano

  • Soprano

VOCI MASCHILI (dalla più grave alla più acuta):

  • Basso

  • Baritono

  • Tenore


N.B. La maggior parte delle persone possiede voci medie. In altre parole, la maggior parte degli uomini sono baritoni e la maggior parte delle donne sono mezzosoprani. Le voci di basso sono una rarità e le voci di soprano non sono poi così comuni come si potrebbe pensare. (Il fatto che la maggior parte dei ruoli operistici principali siano scritti e cantati da soprani può dare alle persone un'idea sbagliata su quanto sia prevalente quel particolare tipo di voce.)

A parità di registro, le voci sono comunque uniche come un'impronta digitale e possono differire nel timbro, nella gamma e nella tessitura*. Tant'è che sofisticati sistemi di sicurezza si basano proprio sul riconoscimento vocale.

Ad una laringe stretta e corde vocali corte e sottili corrisponde una voce più acuta. Ad una laringe più ampia e corde vocali lunghe e spesse corrisponde una voce più grave.


‼️ATTENZIONE‼ Non pensare che l'appartenenza ad una classificazione piuttosto che un'altra determini la tua bravura o capacità. Ogni voce è in grado di riprodurre almeno due ottave piene di estensione ed ha le proprie note acute e quelle gravi.


✏️ ✏️ ✏️ ✏️ ✏️ ✏️
*LA TESSITURA VOCALE: identifica quel particolare campo di frequenze con cui ci si muove con facilità e può essere diverso a parità di estensione.
In sostanza, si riferisce all'area della gamma in cui il cantante è più a suo agio ad utilizzare la voce. Quest'area è generalmente quella in cui la voce ha il suono più piacevole ed è la sua più forte e dinamica. Anche la coerenza timbrica, così come la "forza" dietro le note, contribuiscono a definire la tessitura.

È probabile che due soprano, abbiano il tono più piacevole uno nella sua gamma medio-alta e l'altro nella sua gamma alta.

Tieni presente che, con l'eccezione dell'abbellimento vocale occasionale e dei vocalizzi (`` ginnastica '' senza parole e vocalizzata usata per aggiungere drammaticità a una canzone), i cantanti di generi contemporanei non cantano molto nel registro di testa, poiché le vocali modificate e l'acustica dei toni della voce della testa non si adatta alla maggior parte degli stili di canto contemporaneo. (Cantanti non addestrati e insegnanti di metodi e stili contemporanei lo fraintendono) Questo significa che quest'area più alta della gamma (sopra il secondo passaggio) potrebbe essere molto sottosviluppata per mancanza di uso e pratica e potrebbe essere povera di forza e di armoniche. Ciò significa anche che un soprano o un tenore naturale potrebbe non sentirsi a proprio agio come farebbe altrimenti se trascorresse più tempo regolarmente ad allenare ed esercitare la voce nella fascia alta della gamma.
Ma come abbiamo visto, questo è relativo.

La tessitura è un'altra informazione utile da possedere quando si tenta di scegliere una tonalità di chiave per una determinata canzone. Prendendo in considerazione dove è scritta la maggior parte della melodia di una canzone, un cantante può regolare la tonalità, spostandola verso l'alto o verso il basso, per abbinare meglio la propria tessitura, e quindi offrire una performance più forte durante l'intera canzone. Questa tecnica è particolarmente utile per creare delle aree di una canzone in cui il cantante vorrebbe far suonare più drammatico e potente il proprio timbro, come ritornelli o ponti, con l'utilizzo della parte più forte della propria gama vocale.
✏️ ✏️ ✏️ ✏️ ✏️ ✏️

LA RIVELAZIONE DEL FALSO MITO

Nel "Belcanto" (qualità vocale Opera del Voicecraft) cioè nella musica classica/lirica/operistica non è richiesta la microfonazione, perciò, per eseguire al meglio ed in modo udibile tutte le note, esistono repertori per ogni classificazione e diviene strettamente necessario sapere il proprio tipo di voce.

Nella musica leggera, l'amplificazione rende il suono più udibile. Questo permette una sperimentazione vocale di più ampio spettro e si pensa, erroneamente, di poter osare raggiungendo i limiti del proprio range (della serie … tanto esce!). Questa non deve essere una scusa per esonerarsi dal conoscere la propria estensione, fondamentale per allenarsi al meglio e conservare il proprio strumento vocale.

A questo si aggiunge il fatto che, la maggior parte degli autori (o cantautori) moderni scrivono ed interpretano i brani un po’ più "a sentimento" indipendentemente dalle doti vocali o dal tener conto della reale estensione di una determinata voce.


Se i cantanti di generi contemporanei non tengono conto del proprio range, rischiano di danneggiare le loro voci se cantano abitualmente in un'area di tono non compatibile con le tendenze naturali di riproduzione del suono oppure se usano spesso una qualità della voce che è innaturale . Sebbene la classificazione vocale possa non essere così critica per la salute vocale e il successo del cantante rock, pop o jazz, conoscere alcuni dettagli sulla propria voce può aiutare quel cantante a fare scelte generali migliori. Capire il range aiuta a far brillare la voce in alcune aree della propria gamma o in alcune parti di una canzone e può essere di aiuto anche nella composizione per mettere in evidenza i propri punti di forza e minimizzare i punti deboli.


Ogni volta che un cantante esegue una cover contemporanea può trasporre o meno il brano in questione, mentre le canzoni liriche sono quasi sempre eseguite nelle loro tonalità originali, rendendo la classificazione vocale più accurata e la scelta del casting più critica ed appropriata. Inoltre, un certo grado di "crudezza" e unicità del suono è spesso richiesto dai cantanti di stili musicali contemporanei, quindi un particolare tipo di voce non sarà necessariamente più desiderabile di altre.


 

Intanto, se sei curioso di scoprire il tuo Range vocale (cioè qual'è l'intervallo tra la nota più bassa e quale quella più alta che riesci a riprodurre) fai questo esperimento. Tutto ciò di cui hai bisogno è una tastiera (o un pianoforte virtuale), qualche minuto libero e le seguenti indicazioni.

CONSIGLI VELOCI:

1. Avvicinati a questo esercizio con una mente aperta. A volte ci aggrappiamo a una convinzione tipo "Sono decisamente un mezzosoprano", che potrebbe farci cantare canzoni assolutamente sbagliate per noi. Vorrei incoraggiarti a lasciar andare ogni pregiudizio sulla tua voce.


2. Il genere NON dovrebbe avere un ruolo nel tipo di voce che sei. Ci sono donne che prendono note tenorili. Ci sono maschili che riescono a raggiungere frequenze del contralto. Cerca di mettere da parte qualsiasi idea di genere quando analizzi il tuo tipo di voce. Questo dovrebbe consentirti di atterrare sul tuo punto debole con più facilità.


3. È possibile che i margini della tua estensione siano maggiori (per cui atipici) rispetto allo "standard". È qui che entrano in gioco termini convenzionali e fantasiosi come "Basso-Baritono", "Baritenore", "Alto-Mezzo" o addirittura la voce maschile "Sopranista".


4. Prova a programmare questo esercizio in un posto tranquillo e quando non c'è nessuno in giro, per non avere distrazioni che possano frenarti.


5. Buon divertimento!


IMPARA LA NOTAZIONE INTERNAZIONALE

La Notazione internazionale è una convenzione adottata dagli Anglosassoni per semplificare la notazione musicale. La Notazione internazionale segue le lettere dell’alfabeto secondo una nomenclatura di uso corrente come nel seguente esempio:


INDIVIDUA IL DO CENTRALE

Quando si guarda una tastiera, la cosa più importante da ricordare è che il Do (C) centrale chiamato Do3 è il C4 ed è la nota di riferimento. Da lì, puoi capire tutto il resto. Ogni Do (C) al di sopra, prosegue con numerazione crescente C5, C6... e ogni Do (C) al di sotto, prosegue a decrescere C3, C2... Per tutti gli altri tasti, dai un'occhiata alla tastiera qui sotto.


Una volta che hai imparato a gestire il sistema di numerazione, puoi iniziare a cantare! Parti da C4 e scendendo: esegui la scala finché non ti senti più a tuo agio. Scrivi quella nota. Quindi fai lo stesso cantando dal Do centrale a salire. Guarda i diversi intervalli riportati qui di seguito per scoprire il tuo tipo di voce!




SPECIFICHE DI RANGE

PER OGNI CLASSIFICAZIONE DI VOCE

Secondo la classificazione FACH System, applicata da sempre nella music alirica, il range è definito dalla coerenza del timbro e dalla capacità di "proiettare" le altezze in modo efficace. Ad esempio, poiché le altezze in falsetto non sono utilizzate nella maggior parte delle opere, non sono considerate parte della gamma vocale di un cantante d'opera maschio. Inoltre, se qualsiasi intonazione non può essere trasportata correttamente (cioè ascoltata su un'orchestra senza amplificazione), non è considerata parte della gamma. Sebbene un cantante possa avere accesso a molte più note sia sopra che sotto la sua gamma utile, quelle note non vengono necessariamente conteggiate o utilizzate quando canta selezioni di brani classici. (Nei diagrammi della tastiera delle gamme vocali di seguito, viene evidenziata solo la gamma prevista, 'eseguibile pubblicamente' per ciascun tipo di voce).



MASCHILE

BASSO

Voce maschile più grave, solitamente compresa tra MI2 e MI4. Ma alcuni cantanti di basso possono anche andare molto più in basso. I bassi sono rarissimi, tanto che quando ne senti uno te ne accorgi eccome!


Famosi bassi: Patrick Page, Josh Turner, Leonard Cohen, Klaus Moll, Barry White, Louis Armstrong

Gamma tipica: E2 - E4

Gamma estesa: C2 - G4



BARITONO

Voce maschile di mezzo dalle frequenze interessanti. Termine che ha origine etimologica dal greco "βαρύτονος", che significa "suono pesante". L’estensione del baritono va generalmente da La1 al Sol3. Esistono diversi tipi di baritono che danno colore alle opere, ad esempio il baritono leggero o baritono chiaro presente ne “L’Orfeo”, oppure il baritono lirico o cantabile presente ne “La Bohème”. Altri tipi di baritono sono ad esempio il baritono lirico spinto o lirico-drammatico che ritroviamo in “Macbeth” o il baritono drammatico del “Nabucco”.

Nella musica leggera esistono moltissimi cantanti definiti baritoni.


Baritoni famosi: John Mayer, Michael Bublé, Nat King Cole, David Bowie, Jimi Hendrix

Gamma tipica: A2 - A4

Gamma estesa: F2 - C5



TENORE

Voce maschile più acuta. L’estensione del tenore va generalmente tra Do2 al Do4. Il Do4 è quello che viene definito il famoso Do di petto (che in realtà è eseguito in registro di testa ma è chiamato così per il suono pieno e deciso).


Tenori famosi: Lin-Manuel Miranda, Usher, Bruno Mars, Luciano Pavarotti, Freddie Mercury

Gamma tipica: C3 - C5

Gamma estesa: A2 - E5


VOCE IBRIDA: BARITENORE: Questo tipo di voce maschile intermedio tende ad avere l'estensione inferiore e la "profondità" timbrica del baritono, ma la leggerezza, l'agilità e l'estensione superiore di un tenore inferiore.


FEMMINILE

CONTRALTO

È la voce femminile più grave. Piccola curiosità: veniva utilizzata in passato al posto del Contraltista che in pratica era l’uomo castrato (ohibò), definito anche cantante evirato, che cantava nello stesso registro.

L’estensione del contralto va generalmente da Fa2 al Sol4. È una voce molto rara e decisamente affascinante.

Range: Sol3-Re5 (Uomo). Esempi famosi: Alfred Deller, Philippe Jaroussky

Contralti famosi: Gladys Knight, Steve Perry, Toni Braxton, Nina Simone

Gamma tipica: F3 - F5

Gamma estesa: D3 - A5



VOCE IBRIDA:

ALTO/CONTRALTO

Nella musica corale, Alto/Contralto è la parte di voce femminile più bassa in un'armonia a quattro parti. Tecnicamente, Alto/Contralto non è un tipo di voce, ma una linea vocale designata nella musica corale, la sua gamma è tipicamente più adatta per i mezzosoprano.


MEZZOSOPRANO

Voce di mezzo per le donne. Ci sono tantissime artiste che sono dei mezzosoprano e in diversi generi musicali.

L’estensione del mezzo soprano va generalmente da La2 al Si♭4.


Famosi Mezzo-Soprano: Beyoncé, Idina Menzel, Barbra Streisand, Carole King, KT Tunstall, Adele, Chaka Khan, Tori Amos

Gamma tipica: A3 - A5

Gamma estesa: F3 - C6



SOPRANO

Gamma femminile più acuta. C’è una bella barzelletta da orchestra che a me fa sempre ridere:

"Qual è la differenza tra un soprano e un piranha?... il rossetto!"

A parte gli scherzi, ecco qui di seguito il range vocale del soprano e se qualcuno ve lo chiede si dice “soprano” e non “soprana”.

L’estensione del soprano va generalmente da Do3 al Do5. Questo è da intendersi come estensione che viene utilizzata nel repertorio, non estensione effettiva della voce che come detto prima può variare da persona a persona. Il mondo è bello perché è vario!


Soprani famosi: Julie Andrews, Mariah Carey, Kristin Chenoweth, Maria Callas, Kate Bush

Gamma tipica: C4 - C5

Gamma estesa: F3 - F6

VOCE IBRIDA:

SOPRANINO

I soprani che possono cantare più alti di C# 6 sono conosciuti come sopranini, anche se è più probabile che siano chiamati soprani. (Naturalmente, ci sono contralti e mezzosoprani che con la tecnica sono anche in grado di cantare a queste altezze. Questo è il motivo per cui è importante determinare il tipo di voce rispetto ad esplorare solo la propria gamma vocale.


È il momento di scoprire la famosa estensione in più definita "temporanea":

VOCE BIANCA (TREBLE)

BAMBINI E RAGAZZI sono classificati come Voci Bianche fino all’età in cui inizia la cosiddetta muta vocale, che si verifica all’incirca tra i tredici e i quindici anni. Le corde vocali completano il loro pieno sviluppo intorno ai 18 anni.

Questo tipo di voce è molto simile al Mezzo-Soprano/Soprano Quindi, se stai cercando nuove canzoni, puoi attingere a questo repertorio e tenere d'occhio i brani a "misura di bambino".

Gamma tipica: A3-F5

Gamma estesa: F3-B5




L'età cronologica non deve essere utilizzata come indicatore di maturità, poiché ogni voce matura al proprio ritmo. Sebbene un cantante diciottenne possa aver sperimentato un cambio di voce a quattordici anni, se non educato al canto è come se la sua voce avesse solo quattro anni. Le voci giovani non dovrebbero mai essere incoraggiate a sembrare più mature oscurando falsamente il loro tono. L'imitazione di voci mature è potenzialmente dannosa. Allo stesso modo, le voci più mature non dovrebbero mai cercare di sembrare più giovani di quanto farebbero naturalmente. È fondamentale che gli insegnanti di canto evitino di incoraggiare lo sviluppo di una voce esclusivamente secondo i propri gusti, poiché ogni singolo strumento ha le sue qualità e abilità uniche e tutte le voci dovrebbero, quindi, essere sviluppate con le proprie naturali caratteristiche.

Sebbene tutte le voci all'interno dello stesso range abbiano caratteristiche comuni, ogni sottotipo ha caratteristiche uniche che richiedono un approccio individuale nell'insegnamento. Inoltre, anche se un particolare cantante in un coro è in grado di cantare una parte vocale diversa (ad esempio, un contralto che è in grado di cantare comodamente le note più alte necessarie per una data parte di soprano), darebbe un gran da afre alle proprie corde perchè fuori dal proprio range.

Ciò accade spesso quando un coro è a corto di numero di voci per cantare una determinata parte vocale e il direttore del coro chiede al cantante di cambiare parte. Suggerisco caldamente di assumere un istruttore di tecnica vocale che possa aiutarti a dare un senso alle informazioni raccolte sulla tua voce, che si assicuri che tu abbia effettuato una visita foniatrica e che si assicuri che l'aspetto tecnico non limiti in alcun modo la tua voce.


 

Ma non è solo in base all'estensione di "frequenza" che le voci vengono classificate...

Secondo il FACH System, un metodo Tedesco che si riferisce sempre all'ambito classico, le voci sono classificate in base a 3 principali parametri:

1. l’estensione di frequenza (classificazione di range vocale, sopracitata)

2. il peso (quindi se è una voce leggera o potente)

  • profondo o drammatico

  • lirico

  • buffo

  • cantabile

  • leggero

  • brillante

  • di coloratura

  • colorato

  • parlante

Il peso vocale si riferisce alla "leggerezza" o "pesantezza" percepita di una voce. Una voce più leggera, spesso descritta nel mondo dell'opera come "lirica", di solito ha una qualità più giovanile, mentre una voce più pesante, spesso descritta come "drammatica", di solito ha una qualità più piena e matura. Questo determina anche agilità vocale complessiva


In generale, le voci più chiare trovano più facile cantare a toni più alti (tessiture più alte), hanno una maggiore agilità vocale e cambiano i registri a toni leggermente più alti rispetto alle voci più pesanti all'interno dello stesso tipo di voce. La facilità con cui la voce più leggera negozia l'estrema gamma alta non è necessariamente dovuta a una migliore capacità tecnica di quella della voce più pesante, ma al fatto che quelle altezze si trovano in relazione meno impegnativa con gli eventi pneumo/fonici ed anatomico/muscolari dei passaggi della voce più leggera.


C'è un malinteso comune che classifica le voci del tenore e del soprano come strumenti alti e leggeri, abbastanza distinti nel carattere e nel timbro rispetto a quelli del baritono e del contralto. In realtà, un presupposto così errato può portare a una classificazione vocale imprecisa, che a sua volta può causare frustrazione e problemi di salute della voce. Una voce lirica baritonale, ad esempio, potrebbe non avere maggiori difficoltà a cantare e sostenere le stesse note acute di un tenore drammatico.


Alcuni esempi:

Le voci più chiare sono spesso associate al termine "LIRICA". Il timbro di queste voci è spesso descritto come liscio, di consistenza setosa, morbido, sensibile, caldo, luminoso e aggraziato, e spesso ha una qualità più morbida e in Cry (pianto alto). Hanno una buona agilità - spesso la capacità di coloratura - e una forte dizione e possono essere ben individuati tra l'orchestra.


Le voci "COLORATE" sono leggere con una grande agilità di fascia alta, e sono in grado di gestire passaggi vocali floridi, elaboratamente ornati o abbelliti, inclusi passaggi correnti, staccati e trilli. Ogni volta che la "coloratura" è usata da sola come tipo di voce, si riferisce a un soprano.


Le voci più pesanti sono spesso associate al termine "DRAMMATICO". Le voci drammatiche sono molto grandi, forti, potenti, vigorose e ricche e possono sovrastare un'intera orchestra o un coro. Il timbro di questo tipo di voce è solitamente più scuro e più pesante di quello di una voce lirica o di colorata, e la sua tessitura è spesso un po 'più bassa. Poiché le corde vocali di un cantante con questo peso vocale sono più spesse, l'agilità e la facilità sono generalmente in qualche modo compromesse, tuttavia, è in grado di dare un peso drammatico a un ruolo, con una potenza sostenuta.


Altri tipi di voce sono di peso "SPINTO" con suono più robusto e pieno rispetto alle voci liriche, ma sono spesso considerate un "PICCOLO DRAMMATICO" in quanto hanno voci più grandi ma non del tutto al livello del drammatico. Questa vocalità gestisce molto bene i cambiamenti dinamici, ha la luminosità e l'altezza di una voce lirica, ma può essere "spinta" appunto fino al climax drammatico senza sforzo e può avere un timbro un po 'più scuro. Può "affettare" un'intera orchestra (invece di "cantarci sopra", come una voce drammatica).


"SOUBRETTE" è un termine di classificazione vocale francese assegnato a donne che spesso interpretano ruoli operistici giovani e civettuoli fisicamente attivi. Nella musica classica, una soubrette può essere considerata un soprano femminile che canta meglio a mezza voce senza dinamiche vocali faticose. La maggior parte delle soubrette ha un colore vocale (timbro) caldo, luminoso e dolce e si sente a suo agio nel cantare in tutta l'estensione del soprano, sebbene questa voce abbia un peso vocale più leggero di quello di altre voci di soprano e una tessitura che giace nella gamma media. La loro estensione superiore non è così alta o "brillante" come quella di una "colorata", ma spesso hanno un timbro più ricco nella loro voce medio-alta.


Per le voci maschili, possono essere usati termini diversi per descrivere il peso vocale. Ad esempio un "leggero" o "buffo" è l'equivalente maschile di una coloratura lirica. È una voce tenorile molto leggera, brillante, acuta con estensioni molto naturali e una tessitura superiore a quella degli altri tenori. Un'altra caratteristica di questa voce è la sua flessibilità e agilità.

"Lirico" è una voce forte ma leggera con un'alta tessitura. "Spinto" è più pesante di un lirico, ma non proprio "drammatico" che invece risulta come una voce potente, ricca e piena, con una tessitura più bassa. Come la voce drammatica femminile, sovrasta facilmente le grandi orchestre.


I pesi di alcuni tipi di voce possono essere ulteriormente sottocategorizzati in "leggero" e "pieno o completo" (ad esempio, soprano lirico leggero, mezzo-soprano drammatico completo, ecc.), che indica la maturità del suono o tono prodotto dalla voce del cantante. Le voci leggere possiedono una qualità giovanile e sono spesso ideali per ruoli giovani, mentre le voci intere suonano più mature, possono essere ascoltate (senza amplificazione) in un'orchestra più grande e sono in grado di gestire ruoli più pesanti.



3. il colore (classificazione di frequenza: quindi se è chiara o scura)

  • estremamente grave

  • grave

  • intermedio

  • acuto

  • molto acuto

  • estremamente acuto

Quando si parla di colore, ci si riferisce semplicemente alla qualità o al "timbro" del tono prodotto dal cantante.


Reputo questo argomento molto complesso da affrontare e lo lascio volutamente ad un futuro approfondimento. Ci sono innumerevoli timbri tra i singoli cantanti. L'utilizzo di posizioni dei passaggi, della portata, della tessitura e del peso dovrebbe già essere sufficiente per determinare il tipo di voce.



L’estensione della voce è legata all'esecuzione tecnica del passaggio tra i vari REGISTRI VOCALI che verranno approfonditi in un altro articolo.



HAI SCOPERTO IL TUO RANGE?

Si è rivelato diversa da come pensavi inizialmente? Mi piacerebbe saperne di più, mandami un messaggio sulla mail oppure lascia un commento qui o sui social.

A presto e...

...Buona Voce

Vocal Coach

Mariella Cesaroni


 

📩Iscriviti alla newsletter Daily Voice per ricevere direttamente le pubblicaioni sulla tua mail. Trovi il form in fondo alla pagina della Rubrica.


OPPURE


✏️Se sei un Docente, spero tu possa utilizzare il materiale del mio Blog (citandone la fonte) come spunto per le tue lezioni o per fornire approfondimenti e spirito di ricerca ai tuoi allievi. Se puoi lascia un commento, ne farò tesoro. Grazie per la tua attenzione!

 

Per lasciare un COMMENTO o fare richiesta di uno specifico argomento da affrontare nel prossimo articolo, scrivimi oppure diventa membro del sito per usufruire anche di altre iniziative: clicca su "Accedi" e registrati con account FB o Google.


TORNA AL BLOG



 
 

COSA PUOI FARE SU QUESTO SITO?:

12.270 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page